auto

Editoriale

Bergoglio e il WC; le nuove frontiere della … Teologia della Liberazione?

Ci mancava giusto il water, per di più chimico, alla faccia dell’ecologia!

Domenico Del Nero

di Domenico Del Nero

a sedia gestatoria alla seggetta, e di un banalissimo wc chimico, per di più. Esultino pure i modernisti, anche se forse meno gli ecologisti: la rivoluzione conciliare continua e passa pure da ciò che ci rende veramente tutti … uguali: il bisognino fisiologico. C’è addirittura da pensare che  illuministi e teorici della egalitè in varie salse abbiano avuto proprio lì la loro ispirazione: ce lo vedete Voltaire che mentre sta “ponzando” sulla seggetta (o su quel che diavolo aveva sotto le illuminate natiche) improvvisamente esclama: “ecco forse in questo momento il papa e il re stanno facendo la stessa cosa: che differenza c’è dunque tra me e loro?”

E del resto … non scherziamo. I problemi di … evacuazione sono anche assurti al rango di speculazione teologica, altro che Santissima Trinità:  “Gesù sopportava tutto ed era padrone di sé; operava per divina essenza; mangiava e beveva in modo particolare, senza evacuare gli escrementi” affermava l’eresiarca gnostico Valentino (II sec. d.c.), non trovando evidentemente  metodi meno … scatologici per affrontare  questioni escatologiche (cosa può fare una e di differenza!) Forse che il  “vescovo di Roma”  venuto dalla fine del mondo ha voluto ribadire l’assurdità della tesi valentiniana? Se il vicario fa il bisognino, si potrebbe pensare che anche il Principale …. Ma non inoltriamoci troppo su tali vie … fognarie, se no c’è rischio di cadere nella blasfemia. Tra l’altro, viene sovente il sospetto che Bergoglio si consideri in realtà il principale di se stesso, visto che si permette, se non proprio di mettere in discussione, quantomeno di ignorare le disposizioni di Colui che in teoria lui dovrebbe rappresentare (vedi indissolubilità del matrimonio); tanto, come ha detto l’attuale boss dei Gesuiti, ai tempi di Cristo non c’era il registratore e magari gli evangelisti si sono persi qualche passaggio.

Ma tralasciando tutte queste belle cose, c’è chi ovviamente ha visto  in questo comportamento “umano, troppo umano” di Bergoglio un ulteriore segno della sua vicinanza all’uomo comune: “oggi a Milano perfino nel ‘pit-stop' per andare in bagno ha semplicemente fatto come tutti, scegliendo uno dei wc chimici disseminati lungo il percorso della visita milanese” si legge su Fanpage, mentre il Fatto quotidiano  si premura di informarci che sulla cosa esiste nientemeno che un video (con tanto di benedizione?) diventato addirittura virale! Per non parlare poi delle foto …. [1]

In generale, il commento più o meno estasiato è questo: ancora una volta, il papa ha voluto mostrarsi una persona tra le tante. Insomma, è “uno de noantri” e va in bagno anche lui, del resto la “teologia della liberazione” ha le sue esigenze!

Qualcuno potrà trovare meschino mettere in rilievo solo questo aspetto della kermesse di Milano, costata tra l’altro più di un milione di euro: ma come, Bergoglio è entrato in un quartiere popolare, ha visitato la gente comune, ammalati, carcerati ….  Entrato  in casa di una famiglia musulmana (tanto per cambiare) e il tutto deve essere oscurato da un normalissimo bisognino fisiologico?

Il problema forse è un altro: c’è ormai qualcosa di “normale” in questo personaggio che sembra divertirsi  - anche in ciò che può fare di bello e di buono – a svilire e avvilire l’immagine della funzione papale e della Chiesa stessa? Che tuona contro i “populismi” (assumendo così un ruolo politico che non gli spetta e offendendo tra l’altro molti credenti che possono rispecchiarsi in quelle posizioni che lui liquida con tanta faciloneria) ma assume poi atteggiamenti che più demagogici  non potrebbero essere?

Il vaticanista Aldo Maria Valli ha scritto sul suo blog un bellissimo articolo, dal titolo “il sogno”, in cui esprime la profonda nostalgia per una chiesa in cui la “normalità” sembra essere diventata un’utopia, al punto da essere costretti a sognarla:  in cui, attraverso l’allegoria del sogno, esprime la nostalgia per una normalità che nella Chiesa odierna sembrerebbe divenuta cosí rara da essere costretti a sognarla; e si tratta di cose talmente ovvie  che non dovrebbero essere “da sogno”, ma da esperienza quotidiana.  E invece, dice mestamente Valli, è ormai da confinare nella dimensione onirica che la pontificia accademia non faccia apologia di politici pro aborto e pro eutanasia e “Guardo un video del papa e mi accorgo che, avvicinandosi a un chierichetto che non aveva le mani giunte, gli ha raccomandato di tenere un atteggiamento più consono alla sacralità del luogo. Ad altri giovani, che volevano fare un selfie con lui, ha detto che nella basilica di San Pietro si va per pregare, e così in tutte le altre chiese”; più altre cose tra cui ad esempio il fatto che Francesco non solo risponda ai “dubia” dei quattro cardinali sulla Amoris Letizia ma addirittura li inviti a pranzo;[2] e questa è davvero utopia pura ed è bene che sia così, perché se fosse vero ci sarebbe da temere che venissero rispolverati i menù dei tempi di papa Borgia (che peraltro, rispetto a Bergoglio, era almeno sul piano dottrinario molto più “cattolico”).

Ora tra le cose “normali” dovremo anche aggiungere un “vescovo di Roma” che non ostenti pure la soddisfazione, certo lecita ma non necessariamente “pubblica”, delle proprie necessità fisiologiche? E speriamo almeno che si fermi al WC ….



Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

    5 commenti per questo articolo

  • Inserito da Jack Reacher il 01/04/2017 16.25.39

    Già Infatti. Ora ci manca che venga riabilitato Luigi Lombardi Vallauri e siamo a posto

  • Inserito da domenicodelnero il 31/03/2017 16.33.49

    Vero, ma nessuno di questi era un papa. Personalmente sono molto critico nei confronti della Chiesa postconciliare, ma nessun pontefice - piacesse o meno, cosa ovviamente del tutto lecita - aveva toccato simili abissi di demagogia. Per quanto mi riguarda, questa fa il paio con il famoso collare con tanto di falce e martello che l'argentino si è messo al collo. Per non dire di tante altre cose, alcune delle quali sono già state affrontate in articoli precedenti.

  • Inserito da Jack Reacher il 31/03/2017 10.51.14

    Per inciso e senza offesa, ad "Infognare" la Chiesa Romana ci hanno già pensato a suo tempo, personaggi dalla dubbia moralità come Andreotti,Gelli,Marcinkus,Calvi e via di seguito.

  • Inserito da domenicodelnero il 31/03/2017 1.53.31

    Caro collega, un cesso portatile rivestito di broccato per il pampero sarebbe decisamente sprecato. A pensarci bene, un WC chimico è proprio quello che lo rappresenta meglio. Se vediamo come sta "infognando" quella che un tempo era Santa Romana Chiesa ....

  • Inserito da Dalmazio il 29/03/2017 8.22.08

    A proposito dei miei adorati BORGIA, all'epoca, come è giusto che sia, le funzioni fisiologiche di chiunque, prenci et papi compresi, erano assolutamente normali accettate e dunque ignorate perché date per ovvie, essendo anche loro fatti di carne e dunque soggetti alle necessità corporali. Inoltre dalle cronache dell'epoca sappiamo l'esistenza di "WC" e altri accesori che sconfinano nell'arte, una toilette rivestita di broccato è annoverata proprio nel corredo di Cesare Borgia che reca con sé in Francia, altre sono presenti nelle stanze private del Vaticano, a Castel Sant'Angelo vi è una vasca da bagno il che significa che il Papa fosse solito farsi il bagno, sappiamo che il mio EROE Benvenuto Cellini fece una ciotola d'argento per Clemente VII nella quale gettare gli scarti del cibo... insomma soltanto in questo nostro tempo di mediocri ci si stupisce che il papa faccia la pipì o la pupù, il fatto è che il papa attuale non ha gusto estetico e dunque non avrà mai un bel cesso portatile rivestito di broccato... ah già, ma lui è per i poveri!!! Poveri loro!!!

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.
chanel replica sale
chanel replica sale
chanel replica sale
chanel replica sale
chanel replica sale